Oled o Qled: Quale è la tecnologia migliore? – Differenze & Consigli

Intro

Se sei a caccia di un nuovo televisore, probabilmente stai annegando in un mare di termini tecnici come HDMI 2.1, 4K, 8K, HDR & Crystal UHD . E mentre vale assolutamente la pena di familiarizzare con loro, una delle scelte più grandi che dovrai fare è su due acronimi molto importanti: OLED o QLED.

Possono sembrare simili, ma quando si tratta di come influenzano la tua esperienza di visione della TV, non potrebbero essere più diversi. Approfondiremo da dove provengono queste tecnologie di visualizzazione, come sono diverse l’una dall’altra, e cosa fanno bene o meno bene a confronto una con l’altra.

Che cos’è QLED?

QLED sta per Quantum Light-Emitting Diode. In parole povere, questo significa che un televisore QLED è proprio come un normale televisore a LED, tranne che utilizza minuscole nanoparticelle chiamate punti quantici per sovralimentare la sua luminosità e il colore. La tecnologia è stata introdotta da Sony nel 2013, ma poco dopo, Samsung ha iniziato a vendere i suoi QLED TV e ha stabilito una partnership di licenza con altri produttori, motivo per cui troverete anche i QLED TV di Vizio, Hisense, TCL e molte altre piccole marche. Se invece vuoi sapere se e meglio una TV Crystal UHD o QLED abbiamo un articolo a parte per te..

Per quanto siano interessanti i punti quantici, un televisore QLED produce ancora luce più o meno nello stesso modo di un normale televisore a LED: Utilizzando una retroilluminazione composta da centinaia o migliaia di LED, che si trova dietro un pannello LCD tradizionale. Sono questi LED che danno al LED il suo nome.

Il pannello LCD

Essenzialmente milioni di piccole persiane che si aprono e chiudono troppo velocemente per essere viste – in congiunzione con i filtri di colore crea l’immagine che si vede lasciando fuoriuscire la giusta quantità di luce e di colore e raggiungendo gli occhi. È un sistema intelligente, ma si basa su una combinazione di oscuramento della retroilluminazione a LED e sull’uso degli otturatori per bloccare la luce rimanente per produrre neri accurati sullo schermo, e non sempre ci riesce.

Che cos’è OLED?

OLED sta per Organic Light-Emitting Diode. Un po’ sorprendentemente, la parte “Light Emitting-Diode” che non ha nulla a che fare con una retroilluminazione a LED. Si riferisce invece al fatto che ogni singolo pixel di un televisore OLED è anche una minuscola luce LED, incredibilmente sottile e in grado di produrre sia luce che colore in un unico elemento.

In altre parole, i televisori OLED non hanno bisogno di una retroilluminazione perché ogni pixel OLED produce la propria luce. Il più grande vantaggio è il superbo livello di nero che si può ottenere. Un televisore OLED spegne semplicemente il pixel e quando il pixel è spento, non emette alcuna luce e nessun colore, rendendolo scuro come quando il televisore stesso è spento.

OLED o QLED: Quale tecnologia è migliore?

Ora che sapete per cosa stanno tutte quelle lettere e cosa significano in termini di tecnologia. Confronteremo QLED e OLED nelle categorie che contano di più quando si acquista un televisore: Luminosità, contrasto, angoli di visione, il tempo di risposta e la durata di vita. Parleremo di tutti fattori importanti per quando si decide di sborsare soldi per un nuovo televisore.

Luminosità

I televisori QLED hanno un vantaggio considerevole quando si tratta di luminosità. Poiché utilizzano retroilluminazioni separate, queste retroilluminazioni a LED possono essere rese incredibilmente luminose. Aggiungete la capacità di un punto quantico di massimizzare quella luce. Producendo tonalità più brillanti nello spettro dei colori senza perdere la saturazione e avrete un display che è più che abbastanza luminoso per essere visto chiaramente anche nelle stanze più illuminate.

I pannelli OLED non possono competere su una base di pura luminosità. I loro singoli pixel che emettono luce semplicemente non possono produrre la stessa quantità di luce. In una stanza buia, questo non è un problema. In effetti, noi sosteniamo che è preferibile perché l’OLED può raggiungere lo stesso contrasto con meno luminosità, rendendo la visione in una stanza buia un’esperienza meno affaticante per la retina. Ma in ambienti ben illuminati, o dove molta luce del giorno entra attraverso le finestre, i televisori QLED sono più visibili – soprattutto se stai giocando contenuti HDR in queste condizioni.

I pannelli OLED sono diventati molto più luminosi nel corso degli anni, ma non possono ancora eguagliare i QLED TV.

Livelli di nero e contrasto

Il contrasto è la differenza tra la parte più scura di un’immagine e quella più luminosa. Se un televisore può offrire una parte scura veramente nera, non deve rendere le parti luminose altrettanto luminose per ottenere buoni livelli di contrasto. Ecco perché, quando si tratta di livelli di nero, l’OLED regna come campione indiscusso – grazie alla sua capacità di diventare completamente nero quando serve.

I televisori QLED, sono costretti a ridurre la loro retroilluminazione a LED e a bloccare la luce rimanente, qualcosa che è molto difficile da fare perfettamente.

Se state guardando un intenso film d’azione e due personaggi stanno correndo attraverso un parcheggio di notte, per esempio, potreste notare un leggero bagliore su parti della scena che dovrebbero essere nere, per esempio nelle barre nella parte superiore e inferiore dello schermo mentre guardate un film che usa un formato più ampio del 16:9.

Per ora, l’OLED ha la meglio. Se un pixel non riceve elettricità, non produce alcuna luce e quindi rimane completamente nero.

Angolo di visualizzazione

Con gli schermi QLED, il miglior angolo di visione è il centro, e la qualità dell’immagine diminuisce in luminosità, colore e contrasto più ci si sposta da un lato all’altro o su e giù. Mentre la gravità differisce da un modello all’altro, si nota sempre – nonostante gli sforzi dei produttori di TV per eliminare il problema.

Gli schermi OLED, in confronto, possono essere visti senza degradazione della luminanza anche con angoli di visione drastici – fino a 84 gradi. Alcuni televisori QLED sono migliorati in termini di angolo di visione, con strati antiriflesso che aiutano, ma l’OLED mantiene un chiaro vantaggio. Quindi, se ti piace organizzare proiezioni in famiglia dei tuoi film preferiti e vuoi essere sicuro che non ci sia un brutto posto in casa, un televisore OLED è il migliore per te.

Tempo di reazione, input lag e frequenza di aggiornamento

Se sei interessato principalmente a un televisore che sia buono per il gaming, ti dovresti concentrare su criteri diversi da OLED o QLED.

OLED o QLED – Qual è la scelta migliore per il gaming?

I televisori OLED saranno i migliori per ottenere un contrasto naturale, e aiuteranno a rendere i giochi cinematografici davvero mozzafiato. I modelli LG sono dotati di Nvidia G-Sync per aumentare la fluidità dell”immagine durante il gioco.

Tuttavia, QLEDs andare molto più luminoso, e può essere meglio per la visibilità pratica nei giochi che stai giocando, disegnando fuori ambienti e oggetti.

Criteri per una TV da Gaming

Il tempo di reazione OLED o QLED

Si riferisce al tempo necessario a un pixel per passare da uno stato all’altro. Più veloce è il tempo di reazione, più nitida è l’immagine, specialmente durante le scene d’azione veloci. Anche se c’è probabilmente una velocità del tempo di risposta oltre la quale l’occhio umano non è in grado di distinguere la differenza, sappiamo da misurazioni standardizzate che i TV OLED sono molto più veloci.

I tipici tempi di risposta dei QLED variano tra i 2 e gli 8 millisecondi, il che suona piuttosto bene finché non ci si rende conto che il tempo di risposta degli OLED è di circa 0,1 millisecondi.

L’input lag,

D’altra parte, si riferisce al ritardo tra il compiere un’azione (come premere un pulsante su un controller di gioco) e vedere il risultato di quell’azione sullo schermo. Come tale, l’input lag è davvero una preoccupazione per i giocatori.

Inoltre, la quantità di input lag che si sperimenta ha poco a che fare con una tecnologia di visualizzazione rispetto a un’altra. Ma più a che fare con la quantità di elaborazione delle immagini che avviene sul televisore dietro le quinte. Sia i QLED che gli OLED possono raggiungere livelli molto bassi di input lag se si spegne tutta l’elaborazione video extra o semplicemente si usa la modalità Game del televisore, che effettivamente fa la stessa cosa.

La frequenza di aggiornamento

È un’altra categoria che sarà intrinsecamente più importante per i giocatori che per gli spettatori occasionali. La frequenza di aggiornamento è il numero di volte al secondo in cui la TV aggiorna ciò che sta mostrando sullo schermo. È strettamente legato al frame rate, che è il numero di volte al secondo in cui il tuo show televisivo, film o videogioco invia un nuovo aggiornamento alla TV.

vrr

Alcuni giochi in esecuzione su console o PC cambieranno il loro frame rate da una scena all’altra. Per mantenere tutto come dovrebbe, i televisori hanno bisogno di una funzione chiamata VRR, o Variable Refresh Rate. Questo permette alla tua TV di alterare il suo refresh rate nativo per adattarsi a questi cambiamenti di frame rate. Se il tuo televisore non supporta il VRR, può causare alcuni effetti collaterali indesiderati. Come lo strappo dello schermo quando viene usato con i tipi di giochi che richiedono il VRR.

È possibile trovare modelli VRR in entrambi i televisori OLED e QLED. Attualmente, puoi trovare TV VRR da Samsung, Sony e LG. Se sei un giocatore di PC che vuole un’esperienza di gioco su grande schermo, il supporto VRR è una caratteristica chiave da cercare.

Durata di Vita OLED vs QLED

In theoria il QLED ha un decadimento piu alto ma visto gli ultimi test possiamo dire che secondo noi non cambia tra OLED o QLED.

LG dice che bisognerebbe guardare i suoi TV OLED cinque ore al giorno per 54 anni prima che scendano al 50% di luminosità.

Con le TV QLED c’è in theoria il rischio di burn in. Se un’immagine statica viene lasciata sullo schermo per ore e ore un Logo per esempio. Il burn in è possibile, ma con abitudini di visione regolari non dovresti preoccuparti di questo problema.